Visionary Art Painting Mural Gaya Camponi

Pineal Gland Sticker

High quality sticker print, faithful reproduction of the oil and watercolor painting of the work “Pineal Gland”

Stampa su carta adesiva alta qualità 20cm x 55cm, riproduzione fedele del dipinto ad olio e aquerello dell’opera “Pineal Gland”

 

2,00

Category

Description

High quality cotton canvas print 20cm x 55cm, faithful reproduction of the oil and watercolor painting of the work “Pineal Gland”

Stampa su tela di cotone alta qualità 20cm x 55cm, riproduzione fedele del dipinto ad olio e aquerello dell’opera “Pineal Gland

Oil and watercolor on wood, 40cm x 80cm

The second oil on wood in the collection is reserved for the pineal gland, because it is our connection to the world of dreams and the spirit.
This topic has always fascinated since childhood when dreams so rich and real became parallel lives.

This gland is responsible for sleep-wake regulation and, believe it, capable of joining us to other dimensions.
In fact it is present in many religions or philosophies as for the Ancient Egyptians (“Eye of Horus”); for Descartes (“the principal seat of the soul”); for Hinduism (“Ajna Chackra” or “Eye of Shiva”); for many simply as the “Third Eye”.

The link between the earthly and otherworldly world is very relevant for the artist who wanted to portray our sleeping minds (roots) with the vastness of the universe and the union with all things in a single body (the tree). precisely the divine (the branches that flow into an open eye).
He decorated the painting with real snakeskin, a symbol of eternity and indestructibility of nature, the cycle of birth, life, death and rebirth.
In the lower part the two serpents twist in a strand of DNA, the physical structure of our organisms.

Olio e acquerello su legno, 40cm x 80cm

è riservato alla ghiandola pineale il secondo olio su legno della collezione, perchè è la nostra connessione col mondo dei sogni e dello spirito.
Questo argomento ha sempre affascinato sin dall’infanzia quando i sogni cosi ricchi e reali diventavano vite parallele.

Questa ghiandola è responsabile della regolazione sonno-veglia e, si creda, capace di congiungerci ad altre dimensioni.
Di fatti è presente in molte religioni o filosofie come per gli Antichi Egizi (“Occhio di Horus”); per Cartesio (“la principale sede dell’anima”); per l’Induismo (“Ajna Chackra” o “Occhio di Shiva”); per molti semplicemente come il “Terzo Occhio”.

Molto rilevante è per l’artista questo legame tra mondo terreno ed ultraterreno che ha voluto raffigurare in un unico corpo (l’albero) le nostre menti dormienti (le radici) con la vastità dell’universo e l’unione con tutte le cose, appunto il divino (i rami che sfociano in un occhio aperto).
Ha decorato il quadro con pelle di serpente vera, simbolo di eternità e di indistruttibilità della natura, del ciclo di nascita,vita, morte e rinascita.
Nella parte inferiore i due serpenti si attorcigliano in un filamento di DNA, struttura fisica dei nostri organismi.


you may also like